Prana è un termine sanscrito che significa "soffio vitale", "energia vitale".

La pranoterapia è una disciplina strettamente legata alle filosofie orientali, quali l'ayurveda e la filosofia della medicina tradizionale cinese; secondo queste filosofie l'energia vitale è responsabile del mantenimento della salute, ne deriva quindi che uno squilibrio energetico determina lo stato di malattia.


Il pranoterapeuta è una persona in grado di produrre un'emissione di energia che trasmette con le mani per riequilibrare l'energia vitale dell'utente e aiutarlo ad ottenere il ripristino del benessere.


In occidente il termine "prana" viene definito anche "bioenergia" intesa come energia biologica emessa da sistema vivente. Dai testi scolastici abbiamo appreso che tutto ciò che vive cambia, e che il cambiamento comporta l'emissione di un "campo elettromagnetico".


Anche l'uomo quindi, quale sistema vivente, emette un campo elettromagnetico che può essere chiamato "campo bioenergetico personale" e che può essere correlato al termine "aura" della filosofia indiana. Quando due persone si trovano vicine il loro campi bioenergetici interagiscono: questo è il concetto che sta alla base della pranoterapia, la cui pratica è attuata mediante scambio di bioenergia tra terapeuta e cliente. Lo scambio avviene attraverso i campi elettromagnetici personali che si proiettano oltre il corpo materiale, ed è questo il motivo per cui non è strettamente necessario il contatto fisico. Il pranoterapeuta, per sua dote e grazie ad esercitazioni adeguate, è capace di controllare e dirigere la sua bioenergia verso il cliente, e utilizza le mani come terminali in cui la concentra. In quest'ottica la pranoterapia può essere considerata la medicina più immediata, naturale e innocua.


Una cosa tuttavia deve essere chiara: alla pranoterapia l'organismo non risponde secondo le regole "causa-effetto". La durata e la frequenza delle applicazioni, i tempi, l'intensità della bioenergia sono fattori molto importanti. Solo la preparazione, lo studio e l'esperienza possono dare la sicurezza di agire da professionisti.


Programma del corso di Pranoterapia (Prano-pratica)

  • cenni storici e sociologici

    • elementi di ricerca scientifica

    • tecniche di respirazione completa, rilassamento, training sofrologico e visualizzazione creativa

  • introduzione alle filosofie orientali: ayurveda e taoismo

  • microcosmo e macrocosmo

  • rapporti e comparazioni di concezioni energetiche tra filosofie orientali e scienze contemporanee

  • tecniche di riflessologia plantare

  • l’approccio olistico

  • valutazione energetica: sensibilizzazione

  • armonizzazione

  • gestione energetica

  • tecniche di applicazione

  • deontologia professionale

  • pratica?Stage di anatomo-fisiologia


Iscrizione al corso di Pranoterapia

Per accedere al corso occorre essere maggiorenni, essere soggetti bioradianti ed essere Soci dell'A.MI. University;


I candidati al corso di pranoterapia dovranno sottoporsi ad un test di rilevazione delle proprie capacità bioenergetiche e sostenere un colloquio attitudinale.


Albo AMI: L'Albo è di diritto privato, vidimato ai sensi di legge presso il Tribunale di Milano, pubblicato sul F.A. Legali Prefettura di Milano n. 10 del 4/2/87. L'iscrizione all'Albo, con attestato notarile, richiede un esame valutativo, l'accettazione del codice deontologico e l'adesione alle norme previste dall'associazione.

 

L’A.MI. UNIVERSITY in attuazione della Legge Regionale n. 2 del 5 gennaio 2005, è membro del "Coordinamento Toscano per la Pranopratica"

 

Link alla pagina A.MI.Univesity del cosro di Pranoterapia (Prano-pratica).

 

Per informazioni e domande sul corso di Pranoterapia a Firenze della Delegazione A.MI. University Toscana potete contattarci a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. oppure al tel.:055.2345558